When you install WPML and add languages, you will find the flags here to change site language.

Orienteering – Lo sport dei boschi

L’orienteering, letteralmente l’attività di orientarsi, è una disciplina sportiva naturalistica consistente nel trovare dei punti topografici in ambiente naturale, solitamente un bosco, indicati da una mappa nel minor tempo possibile.  Immersione nella natura, impegno fisico e intellettivo uniti spesso alla cultura del viaggio e dell’esplorazione, con un pizzico di avventura, sono gli ingredienti che fanno appassionare a questo sport. Numerose infatti sono le manifestazioni che annualmente si svolgono in bellissimi boschi, spesso sconosciuti al grande pubblico, organizzate dalla Federazione Italiana Sport Orientamento e le società sportive ad essa affiliate tra cui la ASD Sesto76 sezione orientamento o da altre federazioni nazionali come ad esempio nei paesi scandinavi dove questo sport è nato. Annualmente in Italia (www.fiso.it), in Europa e nel mondo (www.orienteeringonline.net ) si svolgono centinaia e centinaia di manifestazioni in posti incantevoli che spesso è difficile assaporare come semplice turista.

La lettura dettagliata della carta topografica e la capacità di muoversi nella natura sono i requisiti “tecnici” di questa disciplina sportiva che vede anche le versioni in mountain bike, con gli sci di fondo, in ambiente urbano (solitamente centri storici) o per disabili fisici (orienteering di precisione dove non conta la componente atletica).

PROGRAMMA PER IL 26 MARZO 2017

MATTINO

Ore 10.30-12.30 presso il gazebo di ASD Sesto76, posto nella Piazza della Scienza di Sesto Calende Città della Salute in Piazza Mazzini, verrà illustra la disciplina sportiva.  Presso lo stand gli addetti saranno disponibili per informazioni, distribuzione gratuita di cartine dei boschi della zona sestese e gestione partenza libera per un percorso di orienteering fotografico nel centro storico di Sesto Calende.

Per chi vorrà partecipare, verrà distribuita una mappa dettagliata ma muta (senza nomi di vie e piazze) con indicati alcuni punti da raggiungere (cerchietti magenta). Dopo la registrazione e una breve spiegazione individuale o per piccoli gruppi, verrà annotato l’orario di partenza individuale o del gruppo (coppie/amici/famiglie) e consegnata la mappa. La partenza è libera nel corso della mattinata (sino ore 12.00 circa) subito dopo la registrazione e la spiegazione. Ciascun concorrente/gruppo dovrà andare nel più breve tempo possibile a tutti i punti indicati dalla mappa (circa 12 punti caratteristici/panoramici del centro storico), farsi un selfi col proprio cellulare in prossimità di ciascun segnaposto – “lanterna” (adesivo metà bianco e metà rosso di circa 10 cm di lato) e ritornare al gazebo dove verrà registrata l’ora di arrivo. All’addetto si dovrà esibire col proprio cellulare le foto-selfi per dimostrare di aver trovato tutti i posti di controllo. In caso di un posto mancante sarà prevista una penalità temporale di 5 minuti.

Verrà redatta in tempo reale una classifica provvisoria e quella definitiva pubblicata sul sito della manifestazione.

Inviando i tuo selfi (tutti o una parte) alla mail orienteering@sesto76.it potrai partecipare ad un concorso per il selfi più panoramico (premia lo sfondo) e quello più simpatico/spiritoso (premia le persone). In palio 02 premi a sorpresa.

POMERIGGIO

Ritrovo alle ore 15.30 presso l’oratorio di S. Vincenzo presso il gazebo di ASD Sesto76

Partenza libera/scaglionata per un percorso classico di orienteering nel bosco della collina morenica. Verrà distribuita una mappa dettagliata a colori che riporta tutti i sentieri (anche i più minuscoli), sassi erratici, vegetazione etc. con indicati alcuni punti da raggiungere (cerchietti magenta). La dimostrazione di aver raggiunto i punti avverrà mediante la punzonatura di un cartellino ad ogni singolo posto di controllo-“lanterna” (segnaposto di stoffa bianco arancio 30cmx30cm con paletto e punzonatrice). Dopo la registrazione e una breve spiegazione individuale o per piccoli gruppi, verrà annotato l’orario di partenza individuale o del gruppo (coppie/amici/famiglie) e consegnata la mappa. Ciascun concorrente/gruppo dovrà andare nel più breve tempo possibile a tutti i punti indicati dalla mappa. Lunghezza del percorso circa 1600 mt in linea d’aria e termina al famoso Sasso di Preja Buja, enorme masso erratico proveniente dalla val Dossola, dove un cartello ne indica le sue storie e leggende.

Si richiede il contributo di 1 € per il costo cartina che rimane al concorrente per poter tornare a godere del bellissimo bosco anche in autonomia nel proprio tempo libero.