When you install WPML and add languages, you will find the flags here to change site language.

Stefano Marangon

Conosciuto come il pittore del sole, Stefano Marangon, classe 74’, ha sperimentato e affinato la tecnica “pirografia solare” con la quale realizza incisioni monotipo ecologiche: attraverso l’utilizzo di lenti di varia dimensione e convessità che filtrano e amplificano le potenzialità dei raggi solari, l’artista incide il supporto in legno con straordinaria abilità, modulando l’intensità e la precisione del segno, a tratti più deciso, altre volte dotato di incredibile leggerezza. La matrice, incisa grazie all’azione del sole, diventa in questo modo opera autonoma e unica, recando impressa la traccia dei raggi luminosi modulati e mediati attraverso la sensibilità dell’artista.

Gli anni di studio della luce del sole lo hanno portato ad avere una conoscenza della stessa molto approfondita, studiandola nelle varie latitudini e longitudini del mondo stesso. Il suo studio e la sua creatività si sono trasformati in un nuovo laboratorio workshop.

Grazie alla Mostra evento “Le tracce del Sole” al Museo della Scienza e Tecnologia di Milano del 2013 e ai workshop realizzati in loco Stefano trasforma i  laboratori rendendoli sempre più affascinanti e coinvolgenti per i bambini e per il pubblico che assiste.

Nel 2014, invitato a “Parafuture”, Stefano tiene i laboratori con 500 bambini.

Nel febbraio del 2015 l’ idea, l’intuizione di creare nuovi inediti laboratori per i bimbi.

L’unione con la Dott.ssa Federica Raverta, trasforma questa forma d’arte in un vero simbolo di proiezione dall’antichità al presente .

Federica Raverta, nata a Milano nel 1975, decide di iscriversi all’università per studiare archeologia greca ma durante il primo anno di corso segue l’insegnamento di Egittologia, ne rimane folgorata  e decide di cambiare il suo piano di studi. Si laurea presso l’Università degli Studi di Milano nel 2003 e segue il corso di specializzazione in Archeologia Orientale all’Università degli Studi di Torino. Partecipa come archeologa a numerose campagne di scavo sia in Italia (Calabria, Lazio, Piemonte) che in Egitto, per studiare e riaprire al pubblico una delle tombe della piana dell’Assassif a Luxor. Grazie alla sua esperienza come guida in mostre e musei e ai cicli di lezioni sull’Antico Egitto tenuti in circoli di appassionati in Lombardia, acquisisce una notevole pratica nella divulgazione della storia e dell’archeologia per mezzo di lezioni e conferenze mirate a ogni tipologia di pubblico e di fasce di età.

Dall’incontro con Stefano Marangon nasce l’idea di ampliare il laboratorio-workshop dell’artista  inserendo una parte dedicata al culto del sole nell’Antico Egitto per spiegare anche ai più piccoli l’importanza del ruolo di questo astro nella vita sulla Terra e l’antichità del simbolo e delle credenze religiose ad esso legate, attraverso un entusiasmante viaggio nelle immagini e nelle leggende di questa antica civiltà.